Revisione legale

Ti trovi in: Revisione legale  >  Registro del tirocinio  >  Richiesta di attestati

Richiesta di attestati


Il tirocinante può, in qualsiasi momento, chiedere l’attestato di iscrizione nel Registro del tirocinio o se ha completato il triennio, l’attestato di compiuto tirocinio nella sezione “Attestati” dell’Area riservata a cui accede mediante le credenziali rilasciate al termine della procedura di accreditamento.

I suddetti attestati, firmati digitalmente, saranno resi disponibili all’interno della stessa area dopo 24 ore dalla richiesta.

In area riservata sarà, inoltre, sempre fruibile, in formato pdf, l’ultimo attestato richiesto.

 

Il tirocinante che non ha provveduto ad accreditarsi nell'Area riservata può  richiedere l’attestato di iscrizione nel Registro del tirocinio e l’attestato di compiuto tirocinio attraverso gli appositi moduli on-line TR-AI (iscrizione) e TR-AC (compiuto tirocinio). Per convalidare la richiesta, il modulo compilato on-line, salvato in locale e poi stampato, deve essere sottoscritto e trasmesso a mezzo raccomandata A/R, a cura del richiedente, al seguente indirizzo:

 -     Ministero dell'Economia e delle Finanze

Ufficio Protocollo Registro Revisori Legali

Via di Villa Ada, 55

00199 ROMA

Le richieste di attestati devono essere conformi alle prescrizioni di legge in materia di bollo, devono contenere in allegato la copia del documento di identità del richiedente e non devono presentare correzioni o abrasioni manuali.


Modulistica

 

Dal 1° gennaio 2012 tutte le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione, sono valide ed utilizzabili esclusivamente nei rapporti tra privati. Nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione e i gestori di pubblici servizi i certificati sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni in autocertificazione (art. 15 Legge n. 183/2011).

Sui certificati rilasciati verrà apposta la dicitura "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” a pena di nullità del certificato stesso.